venerdì 21 gennaio 2011

CARNEVALE DELLA BIODIVERSITA': SECONDA EDIZIONE

Riporto il comunicato riguardante la seconda edizione del carnevale della biodiversità
La prossima edizione del carnevale della biodiversita’ e’ programmata per il: 12 Febbraio 2011.

La data, come ben sapete, non e’ casuale: e’ la ricorrenza del 202° compleanno di Charles Darwin, e ci piace l’idea di poterlo celebrare con voi tutti. Il tema portante di questa edizione sara’:

Biodiversità e adattamenti: La lotta costante per il cibo e lo spazio

tema intorno a cui ruoteranno tutti i post che i vari blogger svilupperanno in base al loro stile e inclinazioni personali.

Questa seconda edizione del carnavele sara’ ospitata dal blog Leucophaea, al cui autore, Marco Ferrari, andranno indirizzati i post per consentirgli la stesura della review.

In questa edizione la biodiversita’ sara’ arricchita dalla partecipazione di ulteriori blogger che desiderano partecipare insieme con noi al Carnevale, per cui, signori blogger, siete sicuramente in tempo a candidarvi.

Al momento i blog partecipanti sono i seguenti:

Biosproject: Earth http://biosproject-earth.blogspot.com/
Continuo proceso de cambio http://procesodecambio.linxedizioni.it/
Il pollice del panda http://ilpollicedelpanda.com/
Paperfish fish biology in progress http://paperfishbiology.blogspot.com/
Mahengechromis Divagazioni di un ciclidofilo http://mahengechromis.blogspot.com/

Non ci resta che aspettare con ansia di leggere i contributi che arricchiranno questa seconda edizione e augurare a tutti gli autori buon lavoro.

Il gruppo coordinatore

Livio Leoni

Marco Ferrari

Lisa Signorile

domenica 16 gennaio 2011

GENE MUTATO IMPEDISCE ALLA PIANTA DI PERDERE BIOMASSA

Le piante possono naturalmente controllare l'apertura e la chiusura degli stomi, i pori che assorbono anidride carbonica rilasciando contemporaneamente acqua. Il biossido di carbonio serve alla pianta, perchè attraverso di essa è in grado di portare avanti una serie di reazioni essenziali per la sopravvivenza della cellula vegetale, così facendo però immettono nell'atmosfera, sotto forma di vapore, l'acqua, altro elemento essenziale per la sopravvivenza delle piante, come di ogni organismo d'altronde. In condizioni di siccità, una pianta può chiudere i suoi stomi per evitare che l'acqua venga dispersa in quantità troppo elevate, però in questo modo, la pianta riduce di molto la quantità di anidride carbonica che può assumere dall'ambiente esterno, tutto ciò può limitare enormemente la fotosintesi e la crescita.